LegnanoToday

Parabiago, rubate le grondaie dal santuario disegnato dall'allievo di Bramate

I ladri hanno rubato le grondaie dal santuario della Madonna di Dio il Sà

Il santuario

È stato assalito e depredato dai ladri il santuario della Madonna di "Dio il Sà" a Parabiago, struttura del XV secolo disegnata da un allievo di Bramante. È successo nei giorni scorsi quando sono state rubate oltre venti metri di grondaie di rame dall'abitazione attigua ala chiesa: i ladri hanno strappato i canali di scolo dalla parete al primo e al secondo piano del cortile dell'abitazione. Il furto è stato scoperto e reso noto dal Circolo ‘Il Gallo’ di Legambiente Parabiago. 

Il santuario, al confine tra Parabiago e Nerviano, è di proprietà della parrocchia di Parabiago, ma è gestita da quella di Nerviano. Il cimitero accanto alla chiesa è di proprietà del comune di Parabiago, così come per la casa che però è in comodato d'uso alla parrocchia di Nerviano e per anni ha ospitato famiglie temporaneamente senza casa, ma da qualche tempo non è più abitata. "Da tempo sollecitiamo le amministrazioni comunali a intervenire a tutela e valorizzazione del Santuario, Monumento Nazionale di cui Parabiago e Nerviano dovrebbero essere orgogliose — si legge in una nota del circolo di Legambiente —. Nel denunciare il vile gesto di ladri senza scrupoli, si chiede alle amministrazioni di attivarsi urgentemente per prevedere una gestione che garantisca la vigilanza e realizzare finalmente il progetto complessivo di un parco intercomunale a disposizione dei cittadini".

Non è la prima volta che il Santuario è al centro delle cronache: a marzo del 2017 era crollato il muro del cimitero della chiesa rinascimentale, un cedimento strutturale a cui era seguita una ristrutturazione del perimetro.

Il santuario della Madonna di Dio il Sà

Il santuario si trova tra Parabiago e Nerviano. In passato l'edificio fu attribuito a Donato Bramante, più recentemente la paternità del progetto è stata affidata a un allievo bramantesco, probabilmente Giacomo Lampugnano, legnanese che diresse i lavori della Basilica di San Magno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicuramente il santuario risale ad un'epoca a cavallo tra i secoli XV e XVI, a sostituzione di una cappella campestre, di cui è ancora conservato un affresco all'interno, sulla mensa dell'altare, racchiuso in una teca di vetro, che rappresenta la Vergine con Cristo in Gloria, antecedente al '500.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento