LegnanoToday

Guida ubriaco, si schianta e fugge in ospedale (con l'auto in divieto di sosta): denunciato

Nei guai un automobilista di Legnano, denunciato per guida in stato di ebrezza. La storia

Ha abbattuto un segnale sotto gli occhi dei carabinieri. Poi, evidentemente convinto di farla franca, è fuggito e ha pensato bene di rifugiarsi in ospedale. Ma proprio lì la sua fuga è terminata. 

Un automobilista è stato denunciato domenica sera dai militari del Radiomobile di Legnano con le accuse di guida in stato d'ebrezza e danneggiamento. La sua follia è iniziata verso le 18, quando alla guida di una Mini cooper è salito su un marciapiedi e si è schiantato contro un cartello in via Giovanni Paolo II. 

Nonostante a poca distanza da lui ci fossero i carabinieri, che avevano appena terminato un intervento al pronto soccorso, l'uomo ha ripreso la marcia, si è diretto verso l'ospedale ed è entrato nel nosocomio dopo aver abbandonato la macchina in divieto di sosta. 

In pochi minuti gli investigatori sono riusciti a rintracciarlo e lo hanno convinto a tornare alla sua vettura. L'etilometro ha spiegato il perché della fuga, segnando un livello di alcol nel sangue di circa 1,90 grami per litro, quasi quattro volte il consentito.

L'automobilista ha spiegato che era diretto al pronto soccorso: peccato che fosse entrato da una porta secondaria dell'ospedale e che lo avesse fatto barcollando. La Mini, non di sua proprietà, è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento