LegnanoToday

Parabiago, in fiamme negozio in via Cavalieri: è del presidente di “Sos racket”

L'incendio è divampato sabato notte intorno alle 4. Ancora da accertare le cause. Si pensa che sia doloso poiché il proprietario del negozio, Manzi, è stato oggetto di vari episodi di intimidazione

Uno dei negozi di fiori di Frediano Manzi, presidente dell'associazione “Sos racket e usura”,  sabato notte intorno alle 4 in via Cavalieri, a Parabiago, nel milanese, è andato a fuoco. Secondo quanto si è appreso le cause dell'incendio non sono ancora state accertate dai carabinieri, ma il fatto giunge dopo una serie di episodi di intimidazione puntualmente denunciati da Manzi, che nel settembre del 2009 è stato anche oggetto di un attentato proprio in quel chiosco.

"E' lo stesso chiosco dove, nel settembre del 2009, mi hanno sparato - ha commentato Manzi, che è teste in alcuni delicati processi come quello sul racket degli appartamenti e quello del caro estinto - Tre settimane fa hanno chiamato nel negozio per ordinare una corona di fiori per me, dieci giorni fa sono stato seguito in auto, e mi hanno anche chiamato a casa per dirmi che sapevano che ero arrivato".

Manzi è attualmente sottoposto a una tutela cosiddetta 'dinamica' che prevede il passaggio di pattuglie sotto la sua abitazione e davanti ai suoi negozi. L'associazione di Manzi ha ricevuto solo quest'anno un centinaio di segnalazioni di imprenditori e commercianti che si dicono sottoposti a racket o usura in Lombardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento