LegnanoToday

Abbandona macerie sotto un ponte: individuato il responsabile

È successo a Ossona, nel milanese. I «ghisa» sono riusciti a individuare il responsabile, un manovale egiziano, in seguito a una lunga indagine

Macerie (immagine repertorio)

Aveva abbandonato un cumulo di macerie sotto un ponte della ferrovia. Non era stato visto da nessuno e pensava di averla fatta franca, ma i «ghisa» sono riusciti a risalire a lui e a incastrarlo. È successo nei giorni scorsi a Ossona, come riportato da OkNotizia. 

I rifiuti erano stati abbandonati sotto un ponte dell’alta velocità a Ossona. Frugando tra le macerie gli agenti della polizia locale hanno trovato uno scontrino rilasciato a una donna nel 2014. Proprio da quell’indizio hanno iniziato le indagini, risalendo a un giudice del tribunale di Novara.

La donna, interpellata, si è dichiarata estranea alla vicenda, precisando che nel 2014 nella sua abitazione di Novara erano stati eseguiti dei lavori. Non solo: l'immobile, successivamente, era stato acquistato da un medico impiegato nell’ospedale di Magenta. Anche il medico, interpellato, si è dichiarato estraneo alla vicenda, ma sono scattate delle verifiche in seguito alle quali è emerso che nell’abitazione sono tutt’ora in corso dei lavori. Tuttavia non è emersa nessuna prova a carico dell’impresa. 

L’altro giorno la svolta. Il medico magentino si è presentato spontaneamente al Comando insieme a un manovale egiziano. L'operaio ha ammesso che i rifiuti provenivano sì dal cantiere, ma anche lui era estraneo ai fatti. Il giovane — secondo quanto riportato da OkNotizia — aveva chiesto aiuto a un connazionale per liberare il cantiere dai detriti. Un piacere ricambiato con 120 euro. Sarebbe stato l'egiziano, quindi, a scaricare le macerie a Ossona. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A suo carico, tuttavia, non è stata trovata alcuna prova. E proprio per questo i «ghisa» hanno messo a segno una trappola. Il manovale si è finto di avere ancora necessità di qualcuno per lo smaltimento degli ingombranti. Ha chiesto aiuto al connazionale, ma all’incontro si sono presentati anche i vigili che hanno smascherato tutto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • "Ci avete salvato dal mare e Milano ci ha accolto": la comunità etiope dona cibo per l'emergenza

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento