LegnanoToday

Omicidio a Legnano: a Colombo erano state sequestrate armi

Il sequestro è disposto solitamente nel caso sopraggiungano forti motivi di frizione tra coniugi in separazione

A Roberto Colombo, il medico oculista che mercoledì avrebbe ucciso la moglie Stefania Cancelliere con un mattarello a Legnano, in passato erano state sequestrate delle armi comuni da sparo.

Un provvedimento che gli agenti del commissariato di Legnano avevano preso tempo fa in via precauzionale come molto spesso accade quando ci si trova in presenza di casi di litigiosità in famiglia o di persone che potrebbero causare dei problemi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i coniugi erano sorte delle controversie del giudice dopo la separazione e, pertanto, all'oculista erano state sequestrate le armi (pare una pistola o un fucile) che aveva in casa. Controversie, però, che non avrebbero mai fatto immaginare che potessero sfociare in tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento