LegnanoToday

Magenta "accogliente": in arrivo una trentina di profughi

Venticinque profughi provenienti dall'Africa subsahariana sono arrivati a Magenta venerdì verso le 18.30, accompagnati dai pulmini della Caritas. Sono stati ospitati dal centro S. Ambrogio di via Casati

Ieri sera il ministro dell’interno Roberto Maroni, giunto a Gallarate per sostenere la candidata a sindaco leghista Giovanni Bianchi, ha speso dure parole contro la Libia. “Abbiamo prove che dalle coste libiche partono imbarcazioni con profughi che sono inviati apposta a Lampedusa. Lo confermano loro stessi: non pagano il viaggio, sono stati imbarcati per ritorsione contro di noi. Mi sembra una dato preoccupante: anche per questo è necessario che il conflitto libico finisca al più presto”.

La questione dei clandestini tiene banco, in quanto il ministro è arrivato in una città che non più tardi di una settimana fa aveva respinto una quarantina di profughi per mancanza di una struttura. Scusa o no, profughi sì o profughi no, Roberto Maroni è certo: è un deliberato piano di ritorsione, l’Europa sta lasciando da sola l’Italia e crede che ci sia un difetto d’analisi anche da parte dell’Onu che parla di 750mila profughi potenziali dalla Libia, ma, secondo il ministro, sono il doppio.

Se da Gallarate si parla di ritorsione, da Magenta si parla di accoglienza. Venticinque profughi provenienti dall'Africa subsahariana sono arrivati a Magenta venerdì verso le 18.30, accompagnati dai pulmini della Caritas. Sono stati ospitati dal centro S. Ambrogio di via Casati. Venerdì sera il dottor Ernesto Colombo, direttore del centro, ha spiegato loro le procedure da seguire durante la permanenza.

Naturalmente a Magenta, e soprattutto nel quartiere "Somaschi" la gente non parlava d'altro. Tutti si sono detti felici di poter accogliere persone che fuggono da paesi ove si vivono drammi veri e propri. Hanno dai 18 ai 30 anni, arrivano dall'Africa subsahariana. Dal Mali, dalla Liberia, dalla Guinea, Niger e Nigeria. Tante storie di ragazzi che hanno conosciuto la sofferenza e il disagio e che sperano in un lieto fine, in una vita migliore, più umana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento