LegnanoToday

Legnano, sgominata banda della coca: usava anche disabili come corrieri

Traffico internazionale di cocaina. Con questa accusa è stata sgominata una banda di malavitosi che operava a Milano e con ramificazioni in mezza Europa. Durate mesi le indagini delle GdF

Una base a Milano e poi ramificazioni in Olanda, Germania, Spagna, Portogallo e Irlanda. Professione: traffico internazionale di stupefacenti. Con questa accusa è stata sgominata una banda "della coca" da parte della Guardia di Finanza di Legnano. Le indagini che hanno inchiodato i colpevoli sono durate mesi e quella di ieri era l'ultima manche della battaglia.

L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha permesso di sequestrare complessivamente oltre 113 chilogrammi di cocaina, 4 autovetture, e circa 1 milione di euro in contanti, e di arrestare 14 persone per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e riciclaggio, denunciando contemporaneamente altre 86 persone.

La banda dei narcos, per lo più colombiani, boliviani, italiani e tunisini non esitava a sfruttare anche disabili come corrieri. Insospettabili viaggiatori che consentivano alla banda di trasferire ingenti quantitativi di cocaina. Adesso però l'importante canale di approvvigionamento di cocaina dal Sud America è stato neutralizzato. Lo riferisce una nota a margine dell'operazione delle Fiamme Gialle di Legnano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento