LegnanoToday

Legnano, l'azienda ospedaliera si trasferisce in via Papa Giovanni Paolo II

Dal 16 agosto avviato il trasloco dalla sede di via Candiani. L'ingresso del nuovo ospedale non è ancora aperto al pubblico, si aspetta il trasferimento di Pronto Soccorso e Farmacie. Prestazioni erogate ancora al vecchio indirizzo

Cambia sede l'Azienda Ospedaliera di Legnano: da via Candiani 2 dove è stata fino ad ora, si sposta nel quartiere San Paolo. Il trasloco in via Giovanni Paolo Secondo, una traversa della Strada Provinciale 148 "Vanzaghello-Rescaldina" (la prosecuzione di via Novara), è già iniziato lo scorso 16 agosto ma il nuovo ospedale non è ancora accessibile al pubblico: lo sarà, quando anche le farmacie e il Pronto Soccorso verranno trasferiti.

Gli ultimi ad essere trasbordati nella nuova struttura, ovviamente, saranno i pazienti ricoverati. L'Azienda ricorda che chi avesse bisogno di ricorrere a cure ospedaliere entro metà Settembre dovrà continuare a rivolgersi alla sede di via Candiani, dove ancora si trovano medici, infermieri, ambulatori, laboratori, radiologie, reparti e Pronto Soccorso. Fino al prossimo 15 settembre, gli utenti dovranno attenersi alle disposizioni segnalate dalla Direzione Generale Rho Asl-MI1.

Per qualsiasi dubbio o informazione, ci si può rivolgere a:
URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Tel. 0331/449707, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 12.30;
E-mail: urp@ao-legnano.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • Milano, mega incendio in una palazzina in via Della Torre: 50 evacuati, due bimbi in ospedale

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

Torna su
MilanoToday è in caricamento