LegnanoToday

Berti (m5s) tra i due candidati agguerriti. “Tutto si può”

Ieri sera, 17 maggio, si è svolto in piazza San Magno il confronto pubblico, promosso dal Movimento 5 Stelle, tra Lorenzo Vitali, sindaco uscente, e Alberto Centinaio. Oltre 200 i presenti

Daniele Berti tra Vitali e Centinaio

E’ avvenuto davvero. Negli ultimi giorni c’era scetticismo, se il confronto Vitali-Centinaio, promosso dal Movimento 5 Stelle, si sarebbe svolto oppure no. E, alla fine i due candidati al ballottaggio, ovvero il sindaco uscente Lorenzo Vitali e Alberto Centinaio del centrosinistra, si sono presentati puntuali, ore 18, in piazza San Magno per rispondere alle dieci, poi diventate dodici domande poste da Daniele Berti, candidato del movimento.

“E’ bello – ha dichiarato Berti - essere in mezzo ai due candidati, averli portati in piazza a confrontarsi. Abbiamo portato centrodestra e centrosinistra tra la gente. Per noi questo è il nuovo modo di far politica. Tutto si può a costo zero”.

La piazza, oltre in 200 i presenti, si è da subito divisa tra i sostenitori di Vitali e quelli di Centinaio che erano pronti a sentire il proprio candidato, ma soprattutto non sono mancate battute, fischi ed applausi. Anche i candidati sono stati molto agguerriti e molte le provocazioni. Un clima incandescente, ma che ha dato l' occasione ai legnanesi di vedere i due sfidanti misurarsi su varie tematiche.

Si è parlato di partecipazione e pertanto della possibilità di fare la diretta in streaming del consiglio comunale e delle commissioni. Si sono viste le prime scintille tra i due contendenti alla carica di sindaco. “Sono d’accordo con tutti gli strumenti – ha dichiarato Centinaio – che accrescono la partecipazione dei cittadini. Bisogna iniziare ad uscire da palazzo e incontrare la gente”. Chiara battuta rivolta a Vitali, il quale è sempre stato disponibile ad accettare questa richiesta. “Ricordo che la diretta streaming non l’ha voluta il Pd”.

Dopo aver risposto su come agirebbero per contrastare il consumo del suolo, di quante risorse da destinerebbero alle attività culturali, sociali e sportive, di come dar voce ai comitati di quartiere, la questione del terzo binario ha riacceso gli animi. Centinaio: “E’ un progetto che non ci piace, ma va affrontato. Sappiamo che il piano è congelato fino al 2016 e noi siamo disposti all’interramento”. Vitali incalza. “L’interramento è stata la nostra prima proposta, ma non è stata accettata per due motivi. Il primo economico e il secondo esso creerebbe più danni alle abitazioni del terzo binario in superficie. Le barriere anti rumore le avremo comunque”.

Altri gli argomenti che sono stati sviscerati e i contendenti fino all’ultimo hanno duellato. Ora non resta che concludere la campagna elettorale e attendere, lunedì sera 21 maggio, il responso dei legnanesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento