LegnanoToday

Quando la campagna elettorale Pd è ecosostenibile

Nel giorno in cui Alberto Centinaio e la sua coalizione hanno "abbracciato l'ambiente" sulle rive dell'Olona, ha preso il via una nuova e simpatica formula eco-sostenibile di pubblicità elettorale

Risciò

Niente camion con le tradizionali “vele”, auto o altri mezzi inquinanti, ma un mezzo di trasporto ecologico che contribuisce a non peggiorare ulteriormente la qualità dell'aria che respiriamo e la viabilità è la formula eco-sostenibile di pubblicità elettorale scelta da Alberto Centinaio e dalla sua coalizione, rappresentata da Insieme per Legnano, Italia dei Valori, Partito Democratico, riLegnano e Verdi. 

Nel giorno in cui il candidato e la sua coalizione hanno “abbracciato l'ambiente” sulle rive dell'Olona, nell'area antistante gli istituti scolastici Dell'Acqua e Bernocchi, la città è stata infatti attraversata da cinque biciclette, guidate da giovani, che trainano un manifesto con l'invito a votare il candidato.       

Un evento che ha voluto richiamare l'attenzione dei legnanesi sulla qualità dell'ambiente a Legnano, simbolicamente rappresentato dall'Olona. Hanno portato la loro testimonianza Angelo Pisoni, leader storico dell'ambientalismo cittadino, e Sandro Berta, responsabile di un Gruppo d'acquisto solidale. "Per me l'Olona era un fiume - ha dichiarato il leader dei Verdi-. Gli anni 70 è stata l'epoca dei depuratori, ma non c'è stato un miglioramento. Noi abbiamo un fiume e dobbiamo cercare di proteggerne le sponde. La colpa dell'amministrazione è di non essersi mai seduta per vigilarlo".

Il candidato sindaco ha richiamato in particolare la necessità di mettere mano al recupero del fiume Olona, "un corso d'acqua che è stato in passato il “motore” dello sviluppo industriale di Legnano pagando però un prezzo altissimo in termini di inquinamento. Tutti ricordiamo gli anni in cui il fiume cambiava colore a seconda degli scarichi che provenivano dalle numerose industrie collocate lungo sue rive. Per non parlare della coltre schiumosa che spesso nascondeva lo scorrere dell'acqua. Neppure i depuratori costruiti in passato nella vicina Provincia di Varese hanno risolto il problema. I timidi miglioramenti registrati in tempi recenti sembrano ora annullati dal ritorno di evidenti sostanze inquinanti. L'Olona continua a non essere un fiume ma una sorta di fogna a cielo aperto".

Non è mancato un riferimento agli altri problemi che condizionano la qualità della vita dei legnanesi: aria, aree verdi a rischio, eccessiva cementificazione del territorio. "Il mio programma elettorale - ha concluso - contiene al riguardo proposte molto concrete per una valorizzazione del territorio, che passi anche attraverso l'eduzione al rispetto dell'ambiente".

La manifestazione è terminata quando tutti i presenti hanno “abbracciato” l'Olona chiudendo il cerchio di entrambe le rive utilizzando i due ponticelli in stile Liberty che attraversano il fiume in quel punto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento