LegnanoToday

Palazzina esplosa a Rescaldina, ancora ignote le cause: a breve inizieranno i sopralluoghi

Non è ancora chiaro perché gli ambienti dell'abitazione al primo piano erano saturi di gas

Vigili del fuoco al lavoro (foto B&V Photographers)

Non è ancora chiaro cosa ha determinato l'esplosione che nella mattinata di sabato 31 marzo ha distrutto una palazzina di via Brianza a Rescaldina. Per il momento c'è solo una certezza: il gas aveva saturato alcuni ambienti di un appartamento al primo piano dell'edificio, dove viveva un nucleo familiare. La causa verrà stabilita dai consulenti e periti.

E per svolgere queste operazioni nel minor tempo possibile nel pomeriggio di mercoledì si è svolto un vertice in municipio tra forze dell'ordine, esponenti della procura, vigili del fuoco, sindaco e proprietario della palazzina. Lo scopo dell'incontro? Fare il punto sulla staticità dell'immobile e sulle opere di messa in sicurezza della parte che è stata interessata e danneggiata dalla esplosione con l'obiettivo di permettere l'accesso a tutti i tecnici.

Video: ecco il momento dell'esplosione

In seguito alla riunione, si legge in una nota diramata dalla procura di Busto, è stato effettuato un primo sopralluogo nella palazzina a cui ne seguiranno altri a partire dalla giornata di mercoledì; ispezioni che serviranno alla realizzazione delle opere necessarie a consentire l’accesso, in sicurezza, ai consulenti e periti che dovranno accertare le cause dell’esplosione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento