LegnanoToday

Legnano, Consiglio: per l'estate una discoteca al Castello

Il Comune avrà entrate per 100mila euro dalla discoteca (2 giorni a settimana) che sarà al Castello. Negli altri giorni, un bar ristorante. Polemiche sul consigliere Garofano

Ieri sera si è tenuto al Palazzo Malinverni, sede del comune, il consiglio comunale con 27 presenze. La seduta si è aperta subito con una polemica mossa dai consiglieri di Sinistra legnanese Giuseppe Marazzini e Raffaele Giordano dell’Idv indirizzata al consigliere leghista Alfredo Garofano, nonché presidente della commissione cultura.

I due consiglieri del centro sinistra accusano Giordano di aver fatto delle dichiarazioni sulle amministrative 2011 a dir poco sconcertanti e si augurano che il sindaco Lorenzo Vitali valutino e chiedono le dimissioni di Giordano dalla carica di presidente della Commissione Cultura. Giordano, che al portale web LegnanoNews, aveva commentato così la vittoria di Pisapia a Milano: “Da più parti leggo che con le ultime elezioni amministrative “il vento è cambiato”. Per tante persone più che un soffio di aria nuova è stata una flatulenza!” e rimanda le accuse al mittente.

Inoltre nella prima fase del consiglio, quella che riguarda le eventuali dichiarazioni dei gruppi prima di procedere all’odg, anche il primo cittadino ha colto occasione per rispondere alle mille voci riguardanti la discoteca al castello visconteo.

“Lo scorso anno in via sperimentale è stato concesso l’utilizzo dello spazio esterno del Castello per 7 giorni. 2 giorni sono stati concessi al locale di castellana Land of Live per il concerto dei Nomadi, due giorni allo Shed di Busto Arsizio e le altre giornate ad altri locali ed associazioni. Visti i positivi riscontri si è deciso di ripetere l’operazione con delle tariffe, per utilizzare maggiormente la struttura e reperire risorse dai privati, a bilancio avevamo previsto 30.000 euro all’anno. Pensavamo di concedere le aree esterne del Castello a più operatori, sono arrivate 6 richieste. Prima abbiamo cercato un accordo fra tutti gli operatori, poi per non fare discriminazioni abbiamo chiesto a tutti i 6 interessati di ripresentare la richiesta di utilizzo esterno del Castello, con dei criteri che abbiamo fissato, tra cui l’utilizzo di strutture non fisse, ma mobili come gazebo o tensostrutture e il non appoggiare alle pareti le stesse per evitare danni alla struttura del castello. Solo 4 hanno formalizzato una richiesta di concessione, e la più conveniente era quella presentata da Roy srl per 46 giorni, che ha rinunciato allo sconto previsto. 5 giorni alla settimana ci sarà un bar/ristorante e i restanti due giorni la discoteca. La concessione frutterà al comune più di 100.000 euro coprendo il costo delle manifestazioni estive al Castello. Sono convinto della bontà della scelta. Avviso che perseguiremo legalmente chi farà illazioni sul mancato perseguimento di una procedura trasparente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento