LegnanoToday

Calendario di Benito Mussolini nell'ospedale pubblico: "Questa è propaganda fascista"

La denuncia dell'Usb sanità: "Venga rimosso o stracceremo noi quel calendario". La storia

A destra la civetta di un giornale, parzialmente coperta, e un foglio bianco che annuncia la vendita di biglietti per la lotteria Italia 2017. A sinistra un calendario con dodici foto di supercar. E sopra, in bella evidenza, un secondo "poster" con una immagine e una scritta in copertina che lasciano poco spazio all'immaginazione, tanto che a pazienti e dipendenti non è sfuggito. 

È polemica all'ospedale di Legnano, dove - da qualche giorno - è in vendita un calendario di Benito Mussolini, che compare sulla prima pagina con la scritta "Dux" ben in evidenza. A denunciarlo, con un duro comunicato, è stato Riccardo Germani, presidente dell'Usb sanità Lombardia, che si è rivolto direttamente al direttore generale dell'Asst Milano Ovest, Massimiliano Lombardo, responsabile per l'ospedale milanese. 

"Non siamo a Predappio e neppure in uno dei tanti raduni di reduci della Rsi, non siamo neppure in qualche stadio dove i calciatori esortano con il saluto romano, siamo in un ospedale, precisamente a Legnano, cittadina dell'alto milanese dove nel nosocomio in cui di pubblico è rimasto ben poco l'edicola vicino al bar mette in mostra e vende il calendario del Duce - si legge nella nota firmata dal sindacalista -. Come organizzazione sindacale abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte di pazienti e di colleghi indignati". 

"Come organizzazione sindacale e come lavoratori dell'Asst Milano Ovest - ha sottolineato Germani - riteniamo che tale vendita ed esposizione sia una chiara apologia del fascismo e va rimosso oltre che a recidere il contratto d'affitto con tale edicolante. Cosa ancora più grave che tale calendario venga esposto in un ospedale pubblico e in vendita presso l'unica edicola dell'ospedale anche se oramai il nostro ospedale è sempre più somigliante ad un centro commerciale con palestre, parrucchieri, e negozi commerciali grazie al magna magna di Formigoniana memoria".

"Chiediamo all'azienda ospedaliera di intervenire affinché, anche se quell'esercizio è privato e paga un canone annuale all'amministrazione, venga a cessare questa chiara propaganda fascista. Vigileremo - ha concluso Germani - affinché venga rimosso entro lunedì 20 novembre altrimenti come sindacato rimuoveremo e stracceremo noi tale calendario e tale offesa alla pubblica decenza".

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

Torna su
MilanoToday è in caricamento