LegnanoToday

Sfigura l'ex lanciandogli addosso un bicchiere con l'acido: deve restare in carcere

Lo ha deciso il gip del tribunale di Busto Arsizio nella giornata di martedì

Resta in carcere Sara Del Mastro, la 38enne che martedì 7 maggio ha sfigurato il suo ex ragazzo 30enne lanciandogli addosso un bicchiere di acido. Lo ha deciso il gip del tribunale di Busto Arsizio nella giornata di martedì 14 maggio.

Nei suoi confronti la difesa aveva chiesto il trasferimento in una struttura psichiatrica. L'avvocato della Del Mastro, Pierpaolo Proverbio che difende la 38enne insieme al collega Sandro Cannarile, ha fatto sapere che richiederanno una perizia psichiatrica nei prossimi giorni.

L'aggressione

Tutto è accaduto nella serata di martedì 7 maggio in via Dei Pioppi a Legnano, alle porte della cittadina dell'hinterland di Milano. Del Mastro, che perseguitava da diversi mesi Giuseppe Morgante, ha seguito per l'ennesima il 29enne che era uscito alle 20.30 dalla fabbrica in cui lavora. Non vedendolo arrivare a casa la madre lo ha chiamato preoccupata e così il ragazzo le ha raccontato di essere pedinato.

Giuseppe ha così deciso di andare verso casa con il fratello gemello e la madre che, per sicurezza, lo hanno atteso davanti al portone. L'agguato è avvenuto in una frazione di secondi: quando Giuseppe ha parcheggiato ed è sceso dall'auto, Sara lo ha invitato dal finestrino ad avvicinarsi "per chiedere scusa". In pochi attimi gli ha scagliato un bicchiere di acido in faccia. Poi lei se ne è andata a bordo della sua auto e ha raggiunto la caserma dei carabinieri dove ha denunciato tutto quello che era accaduto, mentre lui è stato soccorso e accompagnato prima all'ospedale di Legnano e poi al Niguarda con ustioni sul torace, sul braccio sinistro e sul viso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 19 aprile Giuseppe Morgante aveva denunciato l'ex ragazza. Per oltre diciotto giorni i magistrati hanno avuto sul tavolo il quadro della situazione e nei confronti della ragazza non era stata emessa nessuna misura. Del caso, inoltre, si era occupata anche la trasmissione Le Iene di Italia 1.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bollettino e aggiornamento contagi Lombardia: risalgono morti e i contagi, +216 nuovi positivi

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

Torna su
MilanoToday è in caricamento